Amateur

Non solo pulizie
Ciao, sono Sara, diciottenne squattrinata, svogliata e circa fidanzata.
E’ la stagione invernale e devo andare a lavorare per guadagnarmi qualche soldino….
Trovo posto come sistema camere in un hotel lussuoso situato in un posto montano.
La paga non è chissà che ma sempre meglio di nulla; è fine novembre, quindi si parte.
Arrivo dopo ore di treno e autobus in questo sperduto posticino ma molto carino, come è carino l hotel.
Mi presento, mi accettano abbastanza bene e mi fanno accomodare nell’ ufficio della titolare.
Di li a poco arriva una bionda strepitosa… è la padrona. Mi accorgo subito della sua acidità.
Va dritta al sodo! Niente stronzate solo lavoro e obbedire altrimenti libero il posto ad un’ altra.
Fine del discorso. Mi fa accompagnare da una ragazza del posto a fare il giro dell’ hotel.
Cavoli è enorme e veramente lussuoso. Saune piscine palestre, stanza di ogni tipo, sweet…
C’è anche molto personale.
Katrina, la ragazza che mi accompagna mi parla un italiano stentato e mi tratta come una stupidella; crede che non capisca cosa ci sia da fare!
Alla fine del giro e mi fa vedere la mia stanza che ovviamente dovrò condividere con altre quattro ragazze.
Dai…pensavo peggio.
Sistemo le mie borse e tutto il resto. Arriva Erika 25 enne. E’ una che divide la stanza con me e si occupa anche del vestiario dei dipendenti.
Mi porta in magazzino per la consegna della divisa.
Dai, lei è carina e simpatica.
Mi spiega che la mattina per rifare le stanza dobbiamo indossare il vestito nero con grembiule bianco, calze color carne e ballerine nere; mentre per ripassare la sera dobbiamo indossare vestito beige con grembiule bianco e ballerine bianche. Ah dimenticavo calze nere.
Inoltre quando si entra in stanza e si pulisce, si sistemano le cose degli ospiti ecc bisogna indossare il classico guanto in lattice.
Arriva finalmente l’ ora di iniziare e mi affidano alla 45 enne Ingrid.
Classica donna dedita al lavoro, di discreta presenza.
Mi spiega tutto per benino ed imparo velocemente.
Non sono mica stupida…mi manca solo un po’ la voglia di faticare!
I giorni passano veloci e presto sono sola a fare le stanze.
Già, le stanze di gente riccona che pretende e basta.
Vi sono scarpe e capi da migliaia di euro e manco ti mollano un euro di mancia, anzi si offendono se bussi alla porta per portare qualcosa.
Cmq, una mattina mi capitò un episodio strano:
entrai in una stanza per rifarla e non guardando dove mettevo i piedi schiacciai qualcosa che sotto la mia ballerina fece un rumore tipo “splffff”.
Che diamine era? Alzo il piede e nooo un preservativo! Ne avevo schizzato fuori il contenuto sulla moquette!
Accidenti mi dissi e ora?
Ora prendi della carta e asciughi e poi passi con acqua; mi disse dietro la schiena Ingrid.
Io tutta imbarazzata risposi ah sii ssiii ok.
Lei- non ti preoccupare, non è nulla questo. Ci sono certi porci che lasciano molto di più.
Bene pensai….
In effetti fu cosi, col passare dei giorni mi resi conto che sistemavo sexy toys, indumenti che nemmeno un prostituta avrebbe messo, condom ecc.
Ma faceva parte del gioco…quindi…
Una sera andai a sistemare una sweet di un certo sig. ……. E cavoli dovevano essere ricchissimi…scarpe di lei tutte di marca, vestiti da favola….
Allora da brava sguattera riordina a questi ricconi disordinati!
Dopo poco entro nella stanza il sig xxxx lo chiameremo così. Io sobbalzai e chiesi perdono, me ne vado subito, non credevo rientrassero, ero qui solo x sistemare!
Quante parole ragazzina! Continua il tuo lavoro e sta zitta.
Chinai la testa e proseguii ribollendo!
Andò al wc, accese la tv, parlo al telefono proprio come non ci fossi. Ad un tratto vidi che iniziava a spogliarsi.. mamma mia che faccio? Continuai il mio lavoro dandogli la schiena ma imbarazzata.
Squillo nuovamente il telefono e mi chiese di controllare chi fosse. Guardai e dissi AMORE
Ah, quella sta sempre a rompere!
Rispose : si certo amore scendo, tieni il posto in sauna.
Chiuse la telefonata e mi disse: voi donne non ci lasciate mai in pace.
Io annui e basta.
Intanto s’era infilato l accappatoio e mi chiese:
quanti anni hai?
18 signore!
Sei italiana?
Certo signore!
Come mai qui?
Eh, devo guadagnare per sopravvivere.
Scoppio in una risata.
Accennai un sorriso.
Ripresi il mio lavoro ma ad un tratto mi prese ai fianchi con le mani e mi disse che non dovevo preoccuparmi.
Mi irrigidii e cercai di resistere ma mi piegò a pecorina.
Avevo le braccia appoggiate sul tavolo, sentii la mano che sollevò il vestitino beige che già era corto, mi abbassò i collant neri e scostò il perizoma.
La prego signore piagnottai…
Lui- certo, tranquilla.
No ma che vuole fare? Dissi terrorizzata.
Secondo te? Oddio la prego no!
Bimba, sono qui con mia moglie che mi stressa e mi trovo davanti il tuo fisichino da giovincella…vuoi che non mi si attizzi l’ ormone?
Prendo coraggio… se non mi lascia andare la denuncio!
Oh senti cara, se non ti lasci andare te, ti faccio passare dei guai seri! Io sono un avvocato, e lo è anche mia moglie… a chi vuoi che credano? Ad una puttanella in cerca di soldi o una persona altolocata?
Smetto di dimenarmi e il sig xxxx compiacente mi dice brava la piccolina!
Se mi aiuti non ti farai del male!
Si signore! Bene signore!
Sento una punta calda che si appoggia alla mia fica, lui mi dice dai, accoglilo! Allora mi sistemo un attimo e sento un treno entrare dentro di me!
Ammazza se è grosso!
Ecco vedi piccolina che è tutto piacere!
Si signore!
Affonda dentro di me, mi si piegano le gambe!
Giovane ed inesperta mi dice xxxx!
Io ribollisco nuovamente e penso a cosa mi tocca subire…ma vi dirò che è in parte piacevole, anche se è grosso e mi tocca il fondo!
Io a 90 sul tavolo, lui mi sbatte da dietro e non posso fare nulla…comanda lui.
Aumentano i colpi, aumenta il respiro, sta x venire!
Io: no non mi venga dentro, non uso la pillola!
Tranquilla ragazzina, non ne voglio figli!
Esce e mi prende le gambe con le mani, me le chiude e ci appoggia il suo cazzone.
Spruzza tutto lo sperma che può sulle mie gambe; mi cola tra di loro. Mi riempie anche i collant.
Io rimango in silenzio tutta fradicia, lui si stacca e con un fazzoletto si pulisce il pene.
Va all’ armadio e prende il portafogli, ne estrae una banconota da 500 e me la butta sul tavolo.
Credo che questi possano bastare per il tuo silenzio.
Si chiude l’ accappatoio e se ne va.
Io rimango un attimo sbigottita, poi alla vista dei soldi mi riprendo, mi pulisco meglio che posso e mi ricompongo pronta a proseguire nel mio lavoro da brava sistema camere!(e non solo)